News

Comunicati (24.05.2019 - DFGP)

Terrorismo: le cifre rimangono stabili

Il Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC) pubblica periodicamente il numero dei casi trattati nel quadro del suo mandato di prevenzione del terrorismo. Nel maggio 2019 il SIC ha registrato 66 soggetti che rappresentano un rischio e 92 viaggiatori con finalità jihadiste. Il numero di casi trattati nell’ambito del suo monitoraggio della jihad è passato da 606 nel mese di novembre 2018 a 624 nel maggio 2019. Data la stabilità della statistica relativa ai viaggiatori con finalità jihadiste, il SIC non la pubblicherà più a scadenza trimestrale, ma due volte all’anno, unitamente al numero di soggetti che rappresentano un rischio e alle cifre relative al monitoraggio della jihad.

Comunicati (22.05.2019 - DFGP)

Gestione di potenziali terroristi: il Consiglio federale propone ulteriori strumenti

La polizia deve poter disporre di ulteriori strumenti per la gestione di persone che costituiscono una potenziale minaccia terroristica (di seguito "potenziali terroristi"). Nella seduta del 22 maggio 2019, il Consiglio federale ha adottato il messaggio concernente la legge federale sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo (MPT). Il dispositivo esistente verrà quindi ampliato in modo mirato. Tra le nuove misure proposte, vi sono tra l’altro l’obbligo di presentarsi, il divieto di lasciare e di accedere ad aree determinate o ancora, quale ultima ratio, il divieto di lasciare la propria abitazione ("arresti domiciliari"). La Confederazione deve poter ordinare queste misure, caso per caso, su richiesta dei Cantoni.

Informazioni (25.04.2019 - fedpol)

Il gioco delle tracce: pubblicato il nuovo rapporto annuale di fedpol

Il 2018 ha nuovamente evidenziato che criminalità e Internet costituiscono un binomio indissolubile. Si pensi ad esempio al simpatizzante dello «Stato islamico» i cui numerosi contatti nelle reti sociali pongono fedpol dinanzi alla sfida dei big data oppure all’amore non corrisposto di un uomo ammaliato e depredato da una truffatrice in rete.

Informazioni (08.03.2019 - fedpol)

AutoPostale: cosa dovete sapere sulla procedura penale amministrativa

Aggiornamento del 8 marzo 2019: A inizio marzo 2019 è stata aperta una procedura penale amministrativa nei confronti dell’ex CFO della Posta per sospetta truffa in materia di prestazioni ai sensi dell’articolo 14 della legge federale sul diritto penale amministrativo (DPA). A fine 2018 era stata già avviata una procedura penale amministrativa contro l’ex CEO e l’ex CFO di AutoPostale sempre per sospetta truffa in materia di prestazioni ai sensi dell’articolo 14 DPA. Si tratta di una prima fase. Non è escluso che in futuro la procedura possa essere condotta anche contro altre persone. Vale la presunzione d’innocenza.

Comunicati (08.03.2019 - DFGP)

Cittadini svizzeri recatisi all’estero per motivi terroristici: obiettivi e strategia del Consiglio federale

Nella seduta dell’8 marzo 2019 il Consiglio federale ha fissato gli obiettivi e la strategia per il trattamento dei cittadini svizzeri recatisi all’estero per motivi terroristici. L’obiettivo principale è garantire la sicurezza della Svizzera e proteggere la sua popolazione. Entrambi questi aspetti prevalgono sugli interessi individuali. La Svizzera adotta pertanto tutte le misure operative a sua disposizione per impedire il ritorno incontrollato di questi cittadini, pur non rifiutandolo. Non rimpatria attivamente i cittadini adulti recatisi all’estero per motivi terroristici, ma è disposta a valutare il rimpatrio attivo se si tratta di minori. Inoltre, mira a far perseguire i reati a sfondo terroristico, conformemente agli standard internazionali, nello Stato in cui sono stati commessi.

Comunicati (27.02.2019 - DFGP)

Programmi informatici speciali di sorveglianza: i costi saranno suddivisi

In occasione della seduta del 27 febbraio 2019, il Consiglio federale ha approvato le modalità di finanziamento per i programmi informatici speciali del tipo "GovWare". Si tratta di programmi ormai indispensabili ai fini del perseguimento penale che permettono di intercettare le comunicazioni cifrate di criminali particolarmente pericolosi. Per ottimizzare le risorse è stata creata una sinergia tra la Confederazione e i Cantoni. La Confederazione assume i costi di investimento, mentre i Cantoni si fanno carico dei costi delle licenze.

Informazioni (17.02.2019 - fedpol)

AutoPostale: cosa dovete sapere sulla procedura penale amministrativa

Aggiornamento del 17 febbraio 2019: Alla fine del 2018 è stata aperta una procedura penale amministrativa nei confronti dell’ex CEO e dell’ex CFO di AutoPostale per sospetta truffa in materia di prestazioni ai sensi dell’articolo 14 della legge federale sul diritto penale amministrativo. Si tratta di una prima fase. Non è escluso che in futuro la procedura possa essere condotta anche contro altre persone.

Comunicati (14.02.2019 - DFGP)

Revisione parziale della legge sulle armi: Consiglio federale e Parlamento raccomandano un sì

La revisione parziale della legge sulle armi, sulla quale gli aventi diritto di voto si esprimeranno il 19 maggio 2019, attua la nuova direttiva dell’Unione europea (UE) sulle armi. L’UE e la Svizzera perseguono il medesimo obiettivo: lottare contro l’abuso di armi per scopi criminali. Le modifiche sono minime e la nostra tradizione del tiro viene salvaguardata. Permettono alla Svizzera di rimanere associata a Schengen e Dublino, il che è di centrale importanza nei settori della sicurezza e dell’asilo. Il Consiglio federale e il Parlamento raccomandano di votare sì alla revisione della legge.

Comunicati (13.02.2019 - DFGP)

Tre progetti per una maggiore sicurezza nello spazio Schengen

La Svizzera intende rafforzare ulteriormente la sua collaborazione con gli Stati dello spazio Schengen nel settore della sicurezza e della migrazione, ad esempio mediante lo sviluppo del sistema d’informazione Schengen (SIS): d’ora in poi sarà infatti obbligatorio segnalare nel SIS i sospetti terroristi. Inoltre, sarà migliorato il controllo preventivo degli ingressi nello spazio Schengen. Nella sua seduta del 13 febbraio 2019 il Consiglio federale ha avviato le procedure di consultazione relative a questi due progetti. Contemporaneamente ha adottato il messaggio concernente la partecipazione della Svizzera all’agenzia europea che gestisce le banche dati Schengen/Dublino.

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 29.06.2016