Attualità: trasposizione della direttiva UE sulle armi

Tiratori sportivi
Tiratori sportivi durante la Festa federale di tiro 2015. (Foto: Keystone/Dominic Steinmann)

Il 14 marzo 2017 l’Unione europea ha adottato la modifica della direttiva sulle armi. La direttiva è incentrata sulle armi da fuoco semiautomatiche, come quelle utilizzate durante gli attacchi terroristici perpetrati a Parigi nel novembre 2015. Queste armi sono ritenute pericolose in quanto permettono al tiratore di sparare diversi colpi di seguito senza dover ricaricare l’arma. Occorre pertanto limitare l’accesso a tali armi nonché migliorare lo scambio d’informazioni tra gli Stati Schengen. Nel 2017 il Consiglio federale ha posto in consultazione una proposta di legge pragmatica che tiene conto della tradizione svizzera in materia di tiro. Nel marzo del 2018 ha trasmesso al Parlamento il pertinente messaggio.

Disposizioni attuali che restano valide anche in futuro

  • Età minima di 18 anni

  • Assenza di iscrizioni nel casellario giudiziale in merito a condanne per reati che denotano carattere violento o pericoloso o per crimini o delitti commessi ripetutamente.
     
  • Nessun’arma in caso di problemi psichici: chi intende acquistare un’arma non deve dare motivo di ritenere che esporrà a pericolo se stesso o terzi. Un’arma è confiscata o il rilascio di un permesso d’acquisto di armi è rifiutato se vi sono segni che la persona in questione possa utilizzare l’arma per mettere in pericolo se stessa o terzi. Le persone soggette al segreto d’ufficio o al segreto professionale, per esempio i medici, hanno il diritto di trasmettere segnalazioni alla polizia. Non sono introdotti esami medici o psicologici.
     
  • Cessione in proprietà delle armi di ordinanza: la nuova direttiva non comporta alcuna modifica per il sistema svizzero: chiunque intenda mantenere la propria arma di ordinanza al termine dell’obbligo militare potrà continuare a farlo. Tale possibilità è prevista dalla deroga che la Svizzera ha ottenuto nell’ambito dei negoziati con Bruxelles.

Panoramica delle modifiche introdotte

Armi introdotte nella categoria delle armi vietate

Arma d’ordinanza svizzere
enlarge_picture

Armi da fuoco per il tiro a raffica modificate in armi da fuoco semiautomatiche. 

p. es. le armi d’ordinanza svizzere 

Versione civile dell’arma d’ordinanza
enlarge_picture

Armi da fuoco portatili semiautomatiche che permettono di sparare più di 10 colpi senza ricaricare. 

p. es. la versione civile dell’arma d’ordinanz

Pistole dotate di un caricatore ad alta capacità di colpi
enlarge_picture

Armi da fuoco corte semiautomatiche che permettono di sparare più di 20 colpi senza ricaricare. 

p. es. le pistole dotate di un caricatore ad alta capacità di colpi 

Armi da fuoco portatili semiautomatiche con calcio pieghevole o telescopico
enlarge_picture

Armi da fuoco portatili semiautomatiche con calcio pieghevole o telescopico. 

Possono essere richieste autorizzazioni eccezionali da:

Requisiti:

  • Prova dell’appartenenza a una società di tiro
    oppure
  • Prova della pratica regolare del tiro sportivo
  • La prova deve essere fornita nuovamente dopo cinque e dieci anni

Requisiti:

  • Custodia in sicurezza delle armi
  • Tenere una lista delle armi

Conferma del possesso per gli attuali possessori

  • Obbligo di far confermare il legittimo possesso, entro il termine stabilito, dall’ufficio cantonale delle armi
  • Eccezione: l’arma è già iscritta in un registro cantonale delle armi o è stata ceduta in proprietà direttamente dall’esercito
     

Modifiche per i commercianti di armi

  • Obbligo di contrassegno
    Le parti essenziali delle armi da fuoco devono essere contrassegnate.
  • Obbligo di comunicazione
    Le transazioni concernenti armi da fuoco o loro parti essenziali devono essere comunicate alle autorità cantonali.

Miglioramento dello scambio d’informazioni nello spazio Schengen

Per prevenire l’uso abusivo di armi, il rifiuto di un permesso d’acquisto di armi o di un’autorizzazione eccezionale dovrà essere comunicato allo Stato Schengen che ha richiesto l’informazione.  

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 06.03.2018