Il Consiglio federale intende disciplinare l’accesso ai precursori di esplosivi

Parole chiave: Precursori di esplosivi

Comunicati, Il Consiglio federale, 09.12.2016

Berna. Consapevole del rischio che terroristi possano procurarsi in Svizzera sostanze chimiche da utilizzare per fabbricare ordigni artigianali, il Consiglio federale intende ostacolare l’accesso a tali sostanze. Nella seduta del 9 dicembre 2016, ha quindi incaricato il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) di elaborare le basi giuridiche necessarie per disciplinare l’accesso ai cosiddetti precursori di esplosivi. La sua decisione si basa sul parere espresso da un gruppo di esperti che ha lavorato a stretto contatto con i settori interessati.

Gli ultimi attentati perpetrati in Europa hanno dimostrato che i terroristi fabbricano ordigni artigianali utilizzando sostanze contenute in prodotti destinati all’uso quotidiano come i fertilizzanti, i prodotti per la pulizia delle piscine o i diserbanti. Tali sostanze chimiche, quali il perossido di idrogeno, l’acetone o i nitrati, sono denominate precursori di esplosivi. Sono contenute in prodotti liberamente accessibili in Svizzera, mentre nell’Unione europea il loro commercio è soggetto a regolamentazione. Il rischio che terroristi si procurino i precursori in Svizzera è quindi reale.

Soluzioni efficaci in collaborazione con i settori interessati

Su incarico del Consiglio federale, un gruppo di esperti diretto da fedpol ha approfondito la questione su come ostacolare l’accesso ai precursori. Il gruppo di esperti ha lavorato a stretto contatto con i settori interessati.

Per mettere in atto le misure elaborate occorre una nuova legge federale. Il Consiglio federale ha quindi incaricato il DFGP di preparare un avamprogetto di legge da inviare in consultazione e di sottoporglielo entro la fine del 2017.

Un disciplinamento adeguato

Le misure dovranno essere quanto più efficaci possibili e avere un costo contenuto per tutti gli attori coinvolti. Il disciplinamento previsto si applicherà agli acquisti di determinati precursori nel commercio specializzato. Più la concentrazione di un precursore sarà elevata in un prodotto, più severe saranno le restrizioni. Di conseguenza non saranno previste restrizioni per i prodotti con basse concentrazioni di sostanze pericolose. Per i prodotti con una concentrazione più elevata, sarà necessario registrare la vendita e trasmettere alle autorità competenti alcune informazioni, quali il tipo di sostanza, la quantità, lo scopo dell’acquisto e i recapiti dell’acquirente. L’acquisto di prodotti con un’elevata concentrazione di precursori sarà soggetto ad autorizzazione.

Segnalare volontariamente le transazioni sospette

Le misure si applicheranno soltanto ai privati, mentre non riguarderanno i professionisti quali gli agricoltori. Per quanto concerne eventuali usi abusivi di precursori di esplosivi in tale contesto, il Consiglio federale confida nell’autocontrollo e nella sensibilizzazione dei professionisti.

Il Consiglio federale prevede inoltre la possibilità di segnalare casi sospetti su base volontaria. I punti vendita interessati quali le drogherie, le farmacie, i negozi di vendita al dettaglio oppure i centri fai da te, possono segnalare transazioni sospette al fine di permettere un’individuazione tempestiva di vendite problematiche.

La possibilità di comunicare transazioni sospette a fedpol è stata introdotta nel settembre 2016 d’intesa con i settori interessati e verrà mantenuta anche in futuro. In questo punto la soluzione svizzera si differenzia dalla regolamentazione dell’Unione europea messa in atto nel 2014, che prevede invece l’obbligo di segnalare le transazioni dubbie. D’intesa con i settori interessati, la Svizzera sceglie un approccio pragmatico quale la segnalazione volontaria delle transazioni sospette, puntando quindi sulla sensibilizzazione dei settori piuttosto che su una loro penalizzazione.

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 09.12.2016

Contatto

Contatto / informazioni

Comunicazione
T
+41 58 463 13 10
Contatto

Dipartimento responsabile

Dipartimento federale di giustizia e polizia
T
+41 58 462 21 11
Contatto

Cartina

Dipartimento federale di giustizia e polizia

Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna

Palazzo federale ovest, Berna

Mostra sulla cartina