Rafforzamento della collaborazione tra gli addetti di polizia dell’Ufficio federale di polizia e gli ufficiali di collegamento dell’Amministrazione federale delle dogane

Parole chiave: Cooperazione | Polizia

Comunicati, Il Consiglio federale, 23.11.2016

Berna. In occasione della seduta del 23 novembre 2016, il Consiglio federale ha approvato il rafforzamento della collaborazione tra gli addetti di polizia dell’Ufficio federale di polizia (fedpol) e gli ufficiali di collegamento dell’Amministrazione federale delle dogane (AFD). A partire dal 1° gennaio 2017, gli agenti distaccati all’estero da fedpol o dall’AFD potranno anche trattare le richieste per conto dell’altra autorità. Questa sinergia renderà più flessibile l’impiego delle risorse e permetterà di ampliare la rete di agenti di collegamento.

fedpol gestisce attualmente una rete di 12 addetti di polizia distaccati in otto Paesi diversi. I singoli addetti dispongono ugualmente di un accreditamento speciale per determinati Paesi limitrofi, in funzione delle priorità operative. Ad esempio, l’addetto di polizia che è di stanza in Kosovo è competente anche per l’Albania e la Macedonia, quello dislocato in Thailandia è accreditato anche per l’Indonesia, la Cambogia e le Filippine. I 12 addetti di polizia possono quindi essere impiegati nel quadro della cooperazione operativa di polizia instaurata a livello bilaterale con 21 Paesi. Tre degli addetti sono distaccati presso Europol. In particolare, uno di essi agisce in veste di counter terrorism liaison officer all’interno del Centro europeo antiterrorismo. Un ulteriore addetto di polizia è dislocato presso Interpol a Lione. Dal canto suo l’AFD ha distaccato complessivamente tre ufficiali di collegamento: uno è di stanza in Germania, un altro opera in Polonia presso l’Agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere esterne (FRONTEX) e un altro ancora presso Europol.

Rafforzamento della collaborazione

In virtù dell’ordinanza approvata dal Consiglio federale, a partire dal 1° gennaio 2017 fedpol e l’AFD avranno la possibilità di impiegare reciprocamente i rispettivi agenti di collegamento dislocati all’estero. In particolare, potranno incaricarli di eseguire richieste o interventi specifici. Tale sistema permetterà di evitare sovrapposizioni e rafforzare le sinergie. Se ad esempio l’AFD dispone di un ufficiale di collegamento di stanza in Polonia accreditato anche per la Repubblica ceca, fedpol, anziché raddoppiare la presenza svizzera nell’area inviando un proprio addetto di polizia, preferirà coprire un’altra regione. Questa nuova forma di collaborazione contribuirà a rafforzare, di fatto, la rete di agenti di collegamento nel mondo e a produrre un valore aggiunto sul piano operativo. Questa nuova collaborazione è sancita in una nuova ordinanza approvata dal Consiglio federale.

Il ruolo dell’agente di collegamento

Gli addetti di polizia o gli ufficiali di collegamento dell’AFD svolgono un ruolo chiave nel quadro della cooperazione internazionale, fungendo da punto di contatto tra la Svizzera e il Paese ospitante. Sono infatti in costante contatto con gli attori del settore e risultano ben integrati presso le autorità estere. In tal modo gli agenti di collegamento garantiscono uno scambio rapido delle informazioni e contribuiscono molto spesso ad accelerare le procedure e al successo delle indagini.

Info complementari

Documentazione

  • Verordnung (PDF, 109.97 KB)
  • Ordonnance (PDF, 214.21 KB)

    (questo documento non è disponibile in italiano)

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 23.11.2016

Contatto

Dipartimento responsabile

Dipartimento federale di giustizia e polizia
T
+41 58 462 21 11
Contatto

Contatto / informazioni

Comunicazione
T
+41 58 463 13 10
Contatto

Cartina

Dipartimento federale di giustizia e polizia

Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna

Palazzo federale ovest, Berna

Mostra sulla cartina