Tentativo d’estorsione tramite minacce d’attacchi DDoS

Parole chiave: Cibercriminalità

Avvertimenti, fedpol, 18.10.2016

fedpol sta ricevendo diverse segnalazioni concernenti dei tentativi di estorsione tramite minacce d’attacchi DDoS (Distributed Denial of Service) a nome di un gruppo di hackers chiamato Lizard Squad.

La vittima riceve un e-mail in inglese dal mittente lizardlands@lizardsquad.net nel quale le viene intimato il pagamento di 10 bitcoins (all’incirca CHF 6’280) entro lunedì 24 ottobre. Se la vittima si rifiuta di pagare, i ricattatori minacciano di lanciare un attacco DDoS contro i suoi sistemi informatici. Un attacco DDoS consiste nell’invio di un’abnorme quantità di pacchetti di dati contro un sistema informatico. Questo grande afflusso di dati può condurre alla saturazione del sistema e alla sua paralisi.
Per il momento, non è stato ancora registrato nessun attacco vero e proprio e non è da escludere che le minacce si rivelino infondate.

fedpol consiglia di:

  1. non pagare il riscatto ! Agli occhi dei criminali, la vittima che cede al pagamento sarà considerata ricattabile e sarà quindi esposta ad attacchi futuri;
  2. segnalare il caso tramite l’apposito modulo di comunicazione;
  3. premunirsi contro eventuali attacchi seguendo i consigli della Centrale d’annuncio e d’analisi per la sicurezza dell’informazione MELANI.

Courriel

Link

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 18.10.2016