Un perfido inganno: e-mail concernenti il presunto ritrovamento di animali domestici smarriti

Parole chiave: Cibercriminalità

Avvertimenti, fedpol, 19.08.2016

fedpol riceve singole segnalazioni da parte di persone che dopo aver segnalato online la scomparsa del proprio animale domestico sono state contattate da persone che sostengono di aver ritrovato l’animale. In realtà questi ultimi si rivelano essere dei semplici truffatori il cui unico intento è estorcere denaro.

A tutti i proprietari di animali domestici: prestate la massima attenzione a quanto segue! fedpol sta ricevendo segnalazioni da parte di persone che dopo aver segnalato online alla Centrale svizzera per animali smarriti la scomparsa del proprio animale domestico sono state contattate telefonicamente o per e-mail da presunti truffatori. Le e-mail incriminate contengono spesso degli errori, le chiamate vengono invece effettuate da un numero nascosto.

Gli impostori sostengono di aver ritrovato l’animale mentre si trovavano nella zona e di averlo portato con sé all’estero, ad esempio in Francia. Non appena il proprietario contatta il sedicente ritrovatore, quest’ultimo gli chiede di versargli delle somme per pagare presunte visite veterinarie o per le spese di trasporto.

fedpol raccomanda:

  • diffidare di e-mail contenenti errori o di telefonate effettuate da un numero nascosto da parte di un presunto ritrovatore;
  • il fatto di portare con sé all’estero un animale ritrovato appare alquanto insolito;
  • non contattare queste persone;
  • non pagare presunte fatture di veterinari o spese di trasporto;
  • chiedere una foto dell’animale in questione;
  • usare la prudenza anche nel pubblicare avvisi di scomparsa sui social media. Evitare di fornire indicazioni precise sul proprio domicilio. Le immagini sono spesso condivise migliaia di volte.
  • Segnalare i casi al sito www.cybercrime.admin.ch affinché possiamo procedere a un loro esame.

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 19.08.2016