Nuova ondata di ransomware

Avvertimenti, fedpol, 31.05.2016

fedpol ha constatato un aumento delle segnalazioni da parte dei cittadini riguardo a e-mail fraudolente contenenti false fatture.

fedpol intende richiamare l’attenzione sul fenomeno dell’invio di e-mail fraudolente contenenti in allegato delle false fatture in formato Word. Lo scopo dei truffatori è di indurre le potenziali vittime ad aprire l’allegato per controllare la fattura e a scaricare così automaticamente, e a loro insaputa, il ransomware. Questo tipo di malware causa il criptaggio dei dati salvati localmente nel computer o all’interno di una medesima rete. Il contenuto delle e-mail, il nome delle presunte aziende e l’importo della fattura possono variare di volta in volta.

fedpol esorta gli utenti di Internet a cancellare immediatamente questo tipo di messaggi e a non aprire per alcun motivo i relativi allegati. A chi avesse già aperto un tale allegato si consiglia di rivolgersi alla polizia cantonale.

Di seguito sono riportati due esempi di false fatture.
 

Nuova ondata di ransomware, esempio di falsa fattura
enlarge_picture Esempio di falsa fattura.
Nuova ondata di ransomware, esempio di falsa fattura
enlarge_picture Esempio di falsa fattura.

Link

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 31.05.2016