La Svizzera rende operativo il nuovo Sistema d’informazione di Schengen

Comunicati, Il Consiglio federale, 08.03.2013

Berna. Il 9 aprile 2013 l’attuale Sistema d’informazione di Schengen verrà sostituito dalla versione aggiornata del sistema, il cosiddetto SIS II. Si tratta di un sistema informatico all’avanguardia che dispone di funzioni nuove e potenziate. In data odierna il Consiglio federale ha fissato al 9 aprile 2013 l’entrata in vigore dell’ordinanza riveduta che costituisce la base giuridica per la gestione del SIS II in Svizzera.

L’ordinanza sulla parte nazionale del Sistema d’informazione di Schengen (N-SIS) e sull’ufficio SIRENE (Ordinanza N-SIS) era stata già approvata dal Consiglio federale nel 2008. Molte disposizioni entreranno in vigore soltanto ora con l’attuazione del SIS II. In vista della messa in funzione del sistema, l’ordinanza N-SIS è stata completamente rielaborata sotto il profilo redazionale e materiale.

Nel Sistema d’informazione di Schengen sono registrate informazioni su ricerche di persone ai fini dell’arresto, dell’estradizione, della ricerca del luogo di soggiorno e della non ammissione nonché di oggetti quali veicoli a motore, armi da fuoco, documenti d’identità ecc. Il Sistema costituisce uno strumento importante e centrale per il lavoro quotidiano di ricerca delle autorità preposte alla sicurezza e fornisce un contributo fondamentale alla lotta contro la criminalità transfrontaliera.

Nuove forme di segnalazioni

Il SIS II permetterà di diffondere nuove forme di segnalazioni nel settore della ricerca di oggetti. Nello specifico, sarà possibile segnalare anche aeromobili, natanti, motori fuoribordo, apparecchiature industriali e container. Nel SIS II una segnalazione potrà inoltre essere integrata dalle caratteristiche personali di una persona la cui identità è stata usurpata. Tale integrazione avverrà con il consenso della persona in questione. Lo scopo è di proteggere la persona interessata, consentendo di identificarla subito come vittima dell’usurpazione. In futuro si potranno altresì registrare direttamente anche fotografie, impronte digitali o mandati d’arresto sotto forma di immagine. Il servizio nazionale di contatto per le ricerche Schengen presso l’Ufficio federale di polizia potrà consultare tali dati, così come era peraltro previsto sin dal 2008. Questa procedura consentirà all’autorità di perseguimento penale di confrontare immediatamente i dati registrati nel SIS II con le informazioni della persona fermata.

Il Consiglio Giustizia e affari interni dell’Unione europea ha deciso giovedì a Bruxelles che il sistema aggiornato SIS II sarà reso operativo il 9 aprile 2013. Tutti gli Stati Schengen hanno provveduto all’adeguamento delle prescrizioni tecniche e giuridiche necessarie e sono pronti per l’attuazione del SIS II.

Info complementari

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 08.03.2013

Contatto

Contatto / informazioni

Comunicazione
T
+41 58 464 13 91
Contatto

Dipartimento responsabile

Dipartimento federale di giustizia e polizia
T
+41 58 462 21 11
Contatto

Cartina

Dipartimento federale di giustizia e polizia

Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna

Palazzo federale ovest, Berna

Mostra sulla cartina