Misure di sicurezza per il personale federale da proteggere: la durata viene disciplinata nella legislazione

Berna. In singoli casi, le misure di sicurezza volte a proteggere personale federale possono essere adottate anche dopo la cessazione dell’attività ufficiale. Nella seduta di mercoledì il Consiglio federale ha deciso di sancire questa prassi nell’ordinanza sui Servizi di sicurezza di competenza federale (OSF).

Conformemente alla legge federale sulle misure per la salvaguardia della sicurezza interna, l’Ufficio federale di polizia (fedpol) provvede alla protezione di parlamentari federali, magistrati della Confederazione, agenti della Confederazione particolarmente esposti al pericolo e persone protette in virtù del diritto internazionale. L’ordinanza stabilisce che, se l’esercizio della funzione comporta un pericolo, di norma tale protezione è garantita dall’assunzione della funzione fino alla sua cessazione. Per i consiglieri federali e il cancelliere federale, la protezione inizia con la candidatura e termina un anno dopo l’uscita dalla carica.

In casi particolari, le suddette categorie di persone possono necessitare una protezione anche dopo l’abbandono della funzione, per esempio gli ex membri del Consiglio federale in relazione alla loro precedente carica. Questi casi sono tuttavia rari. Finora né la legge né l’ordinanza prevedevano per gli organi di sicurezza federali un obbligo di protezione degli organi di sicurezza federali dopo l’uscita dalla carica. La pertinente base legale viene ora creata a livello di ordinanza, che permette al Dipartimento federale di giustizia e polizia di prorogare le misure di sicurezza anche oltre la durata prevista se per la persona in questione continua a sussistere un pericolo connesso alla precedente funzione.

Documenti

Ultima modifica 02.07.2014

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale di polizia
Guisanplatz 1A
CH-3003 Berna
T +41 58 463 13 10

Stampare contatto

https://www.fedpol.admin.ch/content/ejpd/it/home/aktuell/news/2014/2014-07-020.html