Dipartimento federale di giustizia e polizia

Accudimento di minori: prima le basi legali, poi l’ordinanza

Il Consiglio federale fissa l'entrata in vigore dell'ordinanza sull'adozione al 1° gennaio 2012

Comunicati, Il Consiglio federale, 29.06.2011

Berna. Il Consiglio federale accoglie positivamente la decisione del Parlamento di creare una nuova base legale per l'accudimento di minorenni. I lavori concernenti l'ordinanza sull'accudimento inizieranno pertanto quando sarà disponibile un quadro legale. Il Consiglio federale ha inoltre preso atto dei pareri controversi sul nuovo avamprogetto di ordinanza e ha posto in vigore al 1° gennaio 2012 la nuova ordinanza sull'adozione.

Con l'adesione da parte di entrambe le Commissioni degli affari giuridici all'iniziativa parlamentare «Accudimento di minori: attenuazione dell’obbligo di autorizzazione» (10.508) si delinea una modifica delle disposizioni del Codice civile sull'accudimento di minorenni. Il Consiglio federale accoglie favorevolmente la decisione del Parlamento di creare una nuova base legale per l’accudimento di minori. Tuttavia, senza la nuova base legale, non è possibile elaborare la relativa ordinanza d'esecuzione. Il Consiglio federale intende quindi attendere l'adozione della modifica di legge da parte del Parlamento prima di decidere in merito all'ulteriore modo di procedere relativo all’ordinanza sull’accudimento di minorenni.

Critiche discordanti sull'avamprogetto rielaborato

La maggior parte dei partecipanti alla consultazione ha approvato l'orientamento del nuovo avamprogetto di ordinanza sull'accudimento di minori, che rispetto alla prima versione rafforza la responsabilità dei genitori ed elimina l'obbligo di autorizzazione per l'accudimento diurno da parte di parenti e altre persone vicine ai genitori. È stata anche riconosciuta la necessità di revisione dell'ordinanza del 19 ottobre 1977 sull'accoglimento di minori a scopo di affiliazione e di adozione (OAMin) attualmente in vigore. Tuttavia, nel complesso il progetto ha provocato critiche discordanti. Soltanto un Cantone e otto organizzazioni hanno approvato l'avamprogetto, considerandolo una soluzione attuabile per il bene dei minorenni. 15 Cantoni, due partiti (PEV, PS) e 14 organizzazioni hanno proposto diverse modifiche, senza però respingere espressamente l'avamprogetto. Dieci Cantoni, cinque partiti (PCS, PPD, PLR, Verdi e UDC) e 19 organizzazioni lo hanno invece respinto per motivi diversi.

La maggior parte dei Cantoni che si sono dichiarati contrari all'avamprogetto rielaborato hanno criticato in particolare l'alta densità normativa ed espresso dubbi in merito all'attuabilità dell'ordinanza. Alcuni ritengono inoltre che non sia garantita un'adeguata protezione dei minorenni accuditi a tempo pieno. I partiti e le organizzazioni che hanno respinto l'avamprogetto considerano il disciplinamento proposto insensato e lontano dalla prassi. Sono inoltre stati criticati i regressi per quanto riguarda la garanzia della qualità e la protezione dei minorenni. Altri partecipanti alla consultazione hanno invece espresso scetticismo nei confronti dell'auspicata professionalizzazione e hanno respinto l'avamprogetto perché troppo burocratico.

Ordinanza separata sull'adozione

Ai fini di una maggiore chiarezza e per consentire una migliore comprensione, il Consiglio federale ha riunito in un'ordinanza specifica sull'adozione le disposizioni dell'attuale OAMin concernenti l'accoglimento in vista d'adozione, dell'ordinanza del 29 novembre 2002 sul collocamento in vista d’adozione e dell’ordinanza del 29 novembre 2002 sugli emolumenti in materia d’adozione internazionale. La nuova ordinanza sull'adozione entrerà in vigore il 1° gennaio 2012.

Contatto / informazioni
Judith Wyder, Ufficio federale di giustizia, T +41 58 462 41 78, Contatto
Dipartimento responsabile
Dipartimento federale di giustizia e polizia, T +41 58 462 21 11, Contatto