Entrata

Modulo (durata: ca. 2 minuti) "Presentazione conviviale delle informazioni sull’entrata” dell’Ufficio federale della migrazione (UFM)

Vi saremmo grati se voleste dedicarci un po’ del Vostro tempo per rispondere alle quattro domande nell’ambito del progetto "Presentazione conviviale delle informazioni sull’entrata” dell’Ufficio federale della migrazione.

Modulo

 

Le condizioni d’entrata in Svizzera variano in funzione dello scopo (p. es. turismo, visita, attività lucrativa, ricongiungimento familiare o studio) e della durata del soggiorno (breve o lunga).

L’Ufficio federale della migrazione raccomanda di chiarire tali condizioni prima del viaggio. A tale scopo, favorite consultare le informazioni delle pagine seguenti:

Altre informazioni

Se avete altre domande inerenti alla dimora e/o alle condizioni d’entrata in Svizzera, favorite rivolgervi a:

  • Ufficio federale della migrazione: Numeri telefonici e moduli di contatto

    - Domande generali sulle disposizioni concernenti l’entrata e i visti
    - Domande in merito a una domanda di visto concreta, pendente o respinta
    - Domande concernenti il divieto d’entrata
    - Domande generali concernenti l’ammissione sul mercato del lavoro di cittadini UE/AELS
    - Domande generali concernenti l’ammissione sul mercato del lavoro di cittadini di Stati terzi

  • Autorità cantonali della migrazione e preposte al mercato del lavoro

    Domande concernenti:
    - una richiesta di proroga del permesso di dimora
    - il rilascio anticipato del permesso di domicilio
    - una richiesta di autorizzazione in vista di un’attività lucrativa
    - una richiesta di ricongiungimento familiare

  • Rappresentanze di Svizzera all’estero

    Domande generali sulle disposizioni concernenti l’entrata e il visto di persone che risiedono all’estero

18 ottobre 2013: Nuova regola per il calcolo della durata del soggiorno nello spazio Schengen

Conformemente allanormativa Schengen finora, i cittadini di Stati che non fanno parte dello spazio Schengen potevono soggiornare senza permesso nello spazio Schengen per "90 giorni nell’arco di 180 giorni a partire dalla prima entrata" a prescindere dall’obbligo del visto.

Il 18 ottobre 2013, questa regola è stata modificata; a partire da tale data infatti è possibile soggiornare nello spazio Schengen senza permesso di soggiorno per "90 giorni su un periodo di 180 giorni".

Con la modifica della normativa, il periodo di riferimento di 180 giorni non corrisponde più ai 180 giorni che seguono la data della prima entrata, ma ai 180 giorni che precedono la data del controllo (controllo alla frontiera all’entrata o all’uscita dallo spazio Schengen, oppure controlli interni da parte della polizia). In altre parole, la durata del soggiorno non deve a nessun momento superare i 90 giorni nell’arco dei 180 giorni.

Se, per la maggior parte dei viaggiatori, la nuova normativa non ha alcuna conseguenza, ne potrebbe invece avere in determinate situazioni, ossia in caso di soggiorni frequenti nello spazio Schengen. La normativa finora consente infatti determinati soggiorni che quella nuova potrebbe non autorizzare (cfr. gli esempi nei documenti PDF più in basso).